University of Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Superman/woman – di Giuseppina Azzarello


ELZEVIRO – 10 GIUGNO 2020

Superman/woman

di Giuseppina Azzarello


“Elzeviro” è una nuova iniziativa dipartimentale, un esperimento che ha lo scopo di aumentare la circolazione delle idee e il confronto degli argomenti all’interno del Dipartimento. Non ci sarà periodicità, né scelta prefissata dei temi, purché di interesse generale: è una pagina bianca messa a disposizione di tutti, sulla quale possiamo tutti intervenire.
Le proposte di contributo devono essere inviate a: sitowebde.dium@uniud.it.

Superman/woman - copertina

 
«È verità universalmente riconosciuta» che gli esseri umani, e specialmente le donne, si trovano ogni giorno a gestire contemporaneamente più fronti: figli, lavoro e genitori anziani.
L'emergenza dovuta alla pandemia ci ha fatto scoprire un nuovo modo di conciliare tutto, lo smart working, la possibilità cioè di lavorare da casa, con un occhio al computer, uno ai figli che – se piccoli e maschi, soprattutto – cercano pericolosamente in casa l'alternativa al parco giochi, e un orecchio al telefono in attesa della chiamata dei genitori, bisognosi di tutto.
I giornali e la satira hanno dato eco al disagio di molte persone in smart working, spesso sottolineando il pericolo che questa modalità possa trasformarsi in un boomerang, riportando indietro di decenni la condizione femminile.
Una difficile situazione capitata di recente mi ha fatto tuttavia apprezzare appieno i vantaggi del lavoro da casa. Nel mezzo della routine, ecco all'improvviso un momento di ingorgo e di emergenza: un workshop organizzato da me, con la partecipazione di mio marito; figli a casa; nonna improvvisamente malata e, di conseguenza, nonno (non autosufficiente) da gestire.
Che fare?
In tempi normali si sarebbero trovati aiuti esterni, ma l'ombra di sospetto Covid-19 sconsiglia in un momento simile di coinvolgere altre persone nel ménage familiare.
La modalità della videoconferenza ha salvato tutto: il workshop si è tenuto con un certo successo di pubblico, mentre i bambini erano impegnati nella stanza accanto e mi prendevo cura dei nonni durante le pause facendo la spola tra i due appartamenti contigui.
Senza dubbio lo smart working è uno strumento da usare con cautela. Ma qualche volta è davvero la soluzione per conciliare famiglia e lavoro. Certo, il prezzo da pagare per essere un superman/woman è un gran mal di testa finale che nessun computer può risparmiarci.
Ma del resto, anche i panni lavati dalla lavatrice bisogna che – faticosamente – li stenda e li pieghi qualcuno…

Foto originali di Julian FongCC BY-SA 2.0