University of Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

News


October 2016

M T W T F S S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

25th October 2016 — Appuntamento giovedì 27 ottobre a palazzo Caiselli

Il racconto e la rappresentazione del terremoto nella storia

Excursus storico fino all’attuale epoca dei social media, con storici, letterati, storici dell’arte e filosofi delle Università di Udine e Trento

Il Dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine organizza una giornata di studi dedicata al racconto storico, artistico, filosofico e letterario del terremoto nella storia, fino all’attuale era dei social media. L’iniziativa, dal titolo “Catastrophe. Raccontare, rappresentare, descrivere il terremoto”, si inserisce nell’ambito delle iniziative organizzate dell’ateneo friulano “Friuli 1976 – 2016. Epicentro di saperi. A quarant’anni dal terremoto in Friuli Venezia Giulia”. L’appuntamento è per giovedì 27 ottobre a partire dalle 9.30, presso la sala del Tiepolo di palazzo Caiselli, in vicolo Florio 2 a Udine.

Dopo i saluti del direttore del Dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale, Andrea Zannini, nella mattinata si susseguiranno gli interventi di Maria Luisa Delvigo, dell’Università di Udine, su “Unde tremor terris: poeti e scienziati sulle cause dei terremoti”, Paola Giacomoni, dell’Università di Trento, su “Filosofia della catastrofe: Lisbona 1755”, Brunello Lotti e Caterina Furlan, dell’ateneo friulano, rispettivamente su “Riflessioni naturalistiche sul terremoto” e “I lacunari di Pomponio Amalteo e il sisma del 1976”.

Nel pomeriggio, dalle 15, Alessandro Del Puppo, dell’Università di Udine, interverrà su “Visualizzare la catastrofe nella modernità”, Denis Viva dell’Università di Trento parlerà di “istruzione e costruzione nell’arte contemporanea”, Manuela Farinosi dell’Università di Udine affronterà “L’Aquila 2009: narrare la catastrofe nell’era dei social media”.

Silvia Pusiol