University of Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

News


November 2016

M T W T F S S
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30

23rd November 2016 — Giovedì 24 novembre alle 17 a palazzo Garzolini

Parole e musica per ricordare la guerra civile spagnola

80 anni fa iniziava il conflitto che portò alla dittatura di Francisco Franco

“A ottant’anni dall’inizio del conflitto La guerra civile spagnola: parole e musica” è il tema dell’incontro che si terrà giovedì 24 novembre alle 17 nell’aula 9 di palazzo Garzolini di Toppo Wassermann, in via Gemona 92 a Udine. ll convegno è dedicato alla guerra civile spagnola che prese avvio nel luglio 1936, portò al crollo della Seconda Repubblica Spagnola e segnò l'inizio della dittatura del generale Francisco Franco (il cosiddetto franchismo).
A presiedere i lavori sarà Paolo Ferrari, docente di Storia contemporanea all’Università di Udine. Interverranno Marco Puppini, vicepresidente dell’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna e collaboratore della rivista “Spagna contemporanea” che parlerà di “Armi, ideali e potere: attualità dello studio della guerra di Spagna”; Simonetta Carolini, studiosa dell’antifascismo, che interverrà su “Donne nell’emigrazione antifascista: un problema aperto”; Eulalia Vega dell’Università degli studi di Lleida che relazionerà su “Miliziane anarchiche tra guerra e rivoluzione 1936-1939”. Infine Renata Londero, docente di Letteratura spagnola all’Università di Udine, interverrà su “18 agosto 1936: la morte di Federico García Lorca nella poesia coeva spagnola”.
Al termine della conferenza saranno eseguite musiche della guerra civile spagnola a cura di Massimo Sartori, Ángeles Aguado López e Tiziana Cappellino. L’incontro è organizzato dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine insieme all’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna, al Comitato Tina Modotti e all’Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione.

Yes!Comunica