University of Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

News


February 2020

M T W T F S S
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29

12th February 2020

L'Archivum Civitatis Utini è online

Gli Annales e gli Acta dell'Archivio Comunale Antico cittadino sono ora disponibili in formato digitale grazie a una collaborazione tra la Biblioteca Civica Joppi e il DIUM

I 128 tomi degli Annales e i 92 degli Acta dell'Archivio Comunale Antico di Udine, conservati presso la Biblioteca Civica "Vincenzo Joppi" di Udine, sono ora a portata di click: basta un dispositivo digitale per avere accesso ai documenti – registrazioni e deliberazioni emanate rispettivamente dal Consiglio della città e dai suoi deputati nel corso di un arco di tempo che copre complessivamente quasi cinque secoli, dal 1345 al 1819.
Tutto questo è stato reso possibile grazie al progetto Archivum Civitatis Utini, finanziato dalla Fondazione Friuli e concretizzatosi nella collaborazione tra la Sezione Manoscritti e Rari della Biblioteca Civica Joppi e il Dipartimento di Studi Umanistici e del Patrimonio culturale, che ha fornito le competenze tecniche del Laboratorio Fotografico per la digitalizzazione e il trattamento delle immagini.

Archivum 02

Accedendo alla piattaforma (realizzata da CG Soluzioni Informatiche) sul portale del Sistema Bibliotecario del Friuli, sarà possibile consultare i volumi integralmente tramite browser: l'utente potrà muoversi tra le pagine, sfogliandole o saltando direttamente al punto desiderato (tramite una gallery richiamabile a comando), oppure concentrarsi sui dettagli di una singola immagine, ingrandendola e ruotandola.

Il progetto si trova in perfetta armonia con le linee guida europee in merito alla protezione e alla diffusione del patrimonio artistico e culturale, le cui parole chiave sono "inclusione" e "accessibilità": le opportunità offerte dalle tecnologie digitali permettono l'abbattimento di numerose barriere che, normalmente, ostacolerebbero la fruizione e il lavoro di ricerca su materiali delicati, agevolando lo studio analitico e la conoscenza e, al contempo, proteggendo gli originali dai rischi fisici dell'usura.

GALLERY