University of Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

La galleria Manfrin a Venezia

La galleria Manfrin a Venezia. L'ultima collezione d'arte della Serenissima, di L. Borean (Forum 2018)

La galleria Manfrin a Venezia


  • L'ultima collezione d'arte della Serenissima
  • Autore/i: Linda Borean
  • Editore: Forum
  • Luogo: Udine
  • Anno di pubblicazione: 2018
  • ISBN: 9788832830583

La galleria Manfrin a Venezia


  • L'ultima collezione d'arte della Serenissima
  • Autore/i: Linda Borean
  • Editore: Forum
  • Luogo: Udine
  • Anno di pubblicazione: 2018
  • ISBN: 9788832830583
La galleria Manfrin a Venezia. L'ultima collezione d'arte della Serenissima, di L. Borean (Forum 2018)

Girolamo Manfrin, arricchitosi con il monopolio della manifattura del tabacco e divenuto membro onorario dell’Accademia di Belle arti, riunì nel suo palazzo a Cannaregio l’ultima grande collezione d’arte della Serenissima, in cui si concretizzava una storia visiva della pittura, con particolare riguardo alla scuola veneziana dalle origini sino al Settecento, e che contemplava opere quali la Vecchia e la Tempesta di Giorgione. Questa pubblicazione (giunta già alla sua prima ristampa  nell'aprile 2019) ripercorre, sulla base dei documenti archivistici più rilevanti qui integralmente trascritti, le tappe salienti della formazione della raccolta, assemblata con la consulenza di esperti quali Pietro Edwards, allora presidente dell’Accademia, e soprattutto i momenti nodali della sua dispersione nel corso dell’Ottocento tra collezionisti privati e musei pubblici, fra cui la National Gallery di Londra e le Gallerie dell’Accademia di Venezia.

LINDA BOREAN è professore ordinario di Storia dell’arte moderna all’Università degli studi di Udine. Le sue ricerche riguardano temi di arte veneta tra Seicento e Ottocento. Ha pubblicato saggi e articoli in riviste internazionali e volumi monografici, tra cui Lettere artistiche del Settecento veneziano. Il carteggio Giovanni Maria Sasso-Abraham Hume (2004).