Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Michele Geronazzo

“Consider a future device …  in which an individual stores all his books, records, and communications, and which is mechanized so that it may be consulted with exceeding speed and flexibility. It is an enlarged intimate supplement to his memory.”
V. Bush, July 1945

Geronazzo_ritratto

Michele Geronazzo

Informatica (INF/01)


Michele Geronazzo

Informatica (INF/01)


Geronazzo_ritratto

“Consider a future device …  in which an individual stores all his books, records, and communications, and which is mechanized so that it may be consulted with exceeding speed and flexibility. It is an enlarged intimate supplement to his memory.”
V. Bush, July 1945

I miei interessi di ricerca si trovano al crocevia tra informatica, acustica, ingegneria e psicologia. Mi occupo principalmente di modellazione e simulazione di interazioni sonore in sistemi complessi di realtà virtuale e aumentata.

La mia carriera accademica, fino ad oggi, si può inquadrare concettualmente su tre livelli:

1.    Audio immersivo. Riguarda principalmente gli aspetti computazionali delle tecnologie che trattano le proprietà spaziali del suono. In tale contesto ho potuto valorizzare Il mio background di informatica e tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), avendo conseguito Laurea Specialistica e un Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell’Informazione presso l'Università degli Studi di Padova (2009,2014) con tesi riguardanti l’elaborazione del segnale digitale. La mia ricerca scientifica si è rivolta alla modellazione dell'acustica degli utenti, nonché alla personalizzazione di tecnologie audio immersive con metodi di progettazione e selezione dei filtri computazionalmente efficienti. A livello di strumenti per la gestione dei dati digitali, ho contribuito al progetto di standardizzazione internazionale "SOFA–Spatially Oriented Format for Acoustics" caratterizzando l’acustica delle cuffie, e a "The Princeton Headphone Open Archive (PHOnA)" supportato da Sony Corporation of America e Princeton University.

2.    Interazioni sonore. Si fa riferimento all'interazione uomo-computer attraverso il feedback uditivo in ambienti 3D. Nel 2016 ho preso servizio come post-doc presso il Dipartimento di Neuroscienze - Università di Verona, dove ho studiato l’analisi del movimento e applicato tecniche di elaborazione del segnale neurofisiologico nel ciclo di percezione azione-(uditivo) collaborando con la Prof.ssa Paola Cesari. Cochlear R&D (Regno Unito), leader mondiale nello sviluppo di impianti cocleari, finanziò questo mio lavoro.

3.    L'integrazione dell'audio immersivo in sistemi multimodali di realtà virtuale ed aumentata può essere determinante in diversi domini applicativi. Nel 2017, la Aalborg University ha finanziato il mio progetto “Acoustically-trained 3D audio models for virtual reality applications” per intraprendere un percorso di ricerca internazionale in Danimarca. Grazie a tale opportunità, ho potuto sviluppare e testare i miei approcci alla personalizzazione acustica degli utenti in diversi scenari multimodali di realtà virtuale come ad esempio: educazione, riabilitazione, tecnologie assistive e storytelling.

Dal 2019 sono Senior Member dall'Institute of Electrical and Electronic Engineers (IEEE), promozione riconosciutami a seguito dei miei significativi contributi alla professione di ingegnere nell’arco di un decennio. Sempre nel 2019 e poi nel 2020 ho ricevuto l'Accreditamento Scientifico a livello di Professore Associato rispettivamente nei campi dell'ingegneria informatica (SSD: ING-INF/05) e dell’informatica (SSD: INF/01). Durante la mia esperienza da Research Associate presso Imperial College di Londra nel 2020, ho contribuito ad avviare una rete di eccellenza finanziata nell'ambito del progetto Horizon 2020 dell'UE "SONICOM - Transforming auditory-based social interaction and communication in AR/VR" (gant number: 101017743, RIA action,5.5M €) collaborando con gruppi di ricerca affermati a livello internazionale quali Sorbonne University (Francia), Università di Glasgow (Regno Unito), Università degli Studi di Milano (Italia), l'Accademia Austriaca delle Scienze (Austria) e altri.

Da dicembre 2020 sono ricercatore a tempo determinato (lettera b) e professore aggregato presso l'Università degli Studi di Udine. Inoltre, da aprile 2021, ricopro il ruolo di Visiting Researcher presso Dyson School of Design Engineering, Imperial College London (UK).
Il focus della mia attuale azione di ricerca si sta progressivamente spostando su questioni etiche e sociali della trasformazione digitale, con particolare attenzione alle tecnologie audio in contesti di realtà virtuale e aumentata, nonché la loro integrazione con algoritmi di intelligenza artificiale.

Pubblicazioni

Do we need individual head-related transfer functions for vertical localization? The case study of a spectral notch distance metric

IEEE/ACM Trans on Audio Speech Lang 26/7 (2018) 1243–1256 (con S. Spagnol e F. Avanzini)

The impact of an accurate vertical localization with HRTFs on short explorations of immersive virtual reality scenarios

Proc. 17th IEEE/ACM Int. Symposium on Mixed and Augmented Reality (ISMAR), München 2018, 90–97 (con E. Sikström, J. Kleimola, F. Avanzini, A. De Götzen e S. Serafin)

Superhuman hearing - virtual prototyping of artificial hearing: a case study on interactions and acoustic beamforming

IEEE Trans Vis Comput Graph 26/5 (2020), 1912–1922 (con L. S. Vieira, N. C. Nilsson, J. Udesen e S. Serafin)

Interactive spatial sonification for non-visual exploration of virtual maps

Int J Hum Comput Stud 85 (2016) 4–15 (con A. Bedin, L. Brayda, C. Campus e F. Avanzini)

Pinna-related transfer functions and lossless wave equation using finite-difference methods: verification and asymptotic solution

J Acoust Soc Am 146/5 (2019) 3629–3645 (con S. T. Prepeliță, J. Gómez Bolaños, R. Mehra e L. Savioja)