Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Sara Marmai

…ποῖ στροφαὶ νέων
μανιῶν στρέφουσι;…
Dove vi spingono questi turbini di nuove follie?

Sofocle

Marmai-foto-profilo3.jpg

Assistente alla realizzazione del sito web

Sara Marmai


Assistente alla realizzazione del sito web

Sara Marmai


Marmai-foto-profilo3.jpg

Molti bambini sognano in grande quando pensano a cosa vorrebbero fare una volta cresciuti. Io non sapevo neanche leggere quando, come un disco rotto, dicevo a tutti che sarei diventata una scrittrice di libri gialli. Devo averlo ripetuto tanto da stancarmene io stessa, perché, al momento di scegliere il liceo, ho ignorato del tutto il classico e ho optato per le lingue straniere. Dopo cinque anni intensi di corpo a corpo con inglese, tedesco e francese, ero soddisfatta del livello raggiunto, ma cominciavo a trovare pesante la filosofia della mia scuola, per cui non era importante avere qualcosa da dire, bastava sforzarsi di dirlo bene. Non avevo nessuna intenzione di continuare sullo stesso solco anche all’università: le lingue mi piacevano ancora, la conversazione forzata no. Pensai che un buon compromesso potesse essere dedicarmi a quelle di chi non avrebbe mai potuto rispondermi, quindi mi sono iscritta a Lettere classiche qui a Udine.

Mai decisione fu migliore, a dispetto delle mie incertezze iniziali: lo studio del greco mi ha confermato di aver preso la direzione giusta; la storia antica mi ha fatto capire che era attorno a quel mondo che volevo orbitare; la papirologia mi ha mostrato in modo incontrovertibile che la Ricerca è ciò che voglio davvero fare. Ci sto ancora lavorando, con un dottorato in corso all’Università di Treviri, in Germania.

Sono ferocemente appassionata del mio ambito di studio, ma ci sono momenti in cui sento il bisogno di guardare a cose nuove; allora ne vado a caccia, e più sono diverse tra loro meglio è. Una di quelle che negli ultimi anni mi hanno coinvolto di più è stato il mondo del web editing. “A che mi servirà, poi, giocare col computer?” mi chiedevo, quando pensavo che avrei dovuto smetterla di piroettare senza logica apparente da un campo all’altro. Mi è servito per ottenere un posto come collaboratrice alla realizzazione del nuovo sito web di Dipartimento: pubblico i contenuti, rifinisco i dettagli, tengo aggiornata le sezioni Notizie ed Eventi.