Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Cornelio Bentivoglio D’Aragona e il teatro a Ferrara tra Sei e Settecento.

Cornelio Bentivoglio D’Aragona e il teatro a Ferrara tra Sei e Settecento.

Cornelio Bentivoglio D’Aragona e il teatro a Ferrara tra Sei e Settecento.


  • Con l’edizione critica della Pulcheria
  • Autore/i: Renzo Rabboni
  • Editore: Biblion
  • Luogo: Milano
  • Anno di pubblicazione: 2020
  • ISBN: 9788833830520

Cornelio Bentivoglio D’Aragona e il teatro a Ferrara tra Sei e Settecento.


  • Con l’edizione critica della Pulcheria
  • Autore/i: Renzo Rabboni
  • Editore: Biblion
  • Luogo: Milano
  • Anno di pubblicazione: 2020
  • ISBN: 9788833830520
Cornelio Bentivoglio D’Aragona e il teatro a Ferrara tra Sei e Settecento.

Cornelio Bentivoglio nacque a Ferrara il 27 marzo 1668. Discendente del cardinale Guido Bentivoglio, riferimento costante per le sue ambizioni politiche e letterarie, ricevette l’educazione umanistica consona a una famiglia di illustri tradizioni rinascimentali, ottenendo presto un posto di rilievo nel piccolo mondo ferrarese. Giovanissimo, fu associato all’Accademia degli Intrepidi e alle altre più importanti radunanze cittadine, e insignito di varie responsabilità nell’amministrazione civile. Una volta abbracciato lo status religioso, rivestì un importante ruolo nella vita della Chiesa, venendo nominato, dapprima, nunzio a Parigi, nella fase delicatissima dell’approvazione della bolla Unigenitus, quindi legato di Romagna e ministro di Spagna presso la Santa Sede. Tuttavia, gli uffici e gli onori non gli impedirono di continuare a dedicarsi agli interessi più genuini per gli studi 'geniali'. Questo volume ricostruisce la ‘carriera’ letteraria del cardinale, che fu rimatore apprezzato (ai versi già noti si aggiungono ora diversi inediti) e soprattutto promotore attivo di una riforma del teatro italiano. La passione per il teatro era un chiaro retaggio famigliare e a essa rimanda la traduzione della Pulchérie di Corneille, che pure si pubblica per la prima volta. Si tratta dell’unica sua
versione dai classici francesi che ci è giunta, anche se di altre si ha notizia.
Appartiene agli anni che precedono l’avvio del cursus ecclesiastico e la 'virata' verso l’epica, con la traduzione della Tebaide di Stazio, che fu oggetto, per l’altezza dell’impresa, di una lunga trafila di consultazioni, qui ricostruita. Il risultato sarà discusso dalle generazioni successive, ma ebbe fortuna presso i contemporanei, perché aggiornava l’originale all’insegna di un gusto formatosi sulla nostra tradizione cinquecentesca, avendo in vista innanzitutto l’epica tassesca e mantenendo nondimeno ben visibili, come in Tasso, le stimmate della lirica e del dramma.

RENZO RABBONI è ordinario di Letteratura italiana presso l’Università di Udine. Si è occupato, con contributi ed edizioni, di rimeria volgare di Tre-Quattrocento, dei cantari di Antonio Pucci, delle rime e delle lettere di Nicolò Martelli. I suoi interessi di ricerca sono volti, attualmente, soprattutto al Settecento e alla produzione epistolare e letteraria dell’abate Antonio Conti. Si dedica, inoltre, con traduzioni e saggi, all’attività di italianista di Aleksandr N. Veselovskij.