Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Ritorno al futuro. I Punica di Silio Italico nella tradizione dell’epica storica romana


Ritorno al futuro. I Punica di Silio Italico nella tradizione dell'epica storica romana

Finanziatore: Università degli Studi di Udine
Responsabile scientifico:
prof. Marco Fucecchi

Ritorno al futuro. I Punica di Silio Italico nella tradizione dell'epica storica romana

Alla fine del I sec. d.C., il poema di Silio Italico sulla seconda guerra punica si propone come una ricapitolazione problematica delle diverse modalità secondo cui la cultura letteraria latina ha impostato il rapporto fra mito, storia nazionale e genere epico. La stessa scelta di un tema ‘inattuale’, legato alla fase più gloriosa della storia di Roma repubblicana, costituisce un compromesso fra la tradizione di genere dell’epos storico (genere ‘fondativo’ della letteratura romana) e la svolta originale che a tale rapporto aveva dato l’Eneide di Virgilio. D’altra parte, Silio intende dare una risposta anche a chi, come Lucano con il Bellum civile, aveva recentemente sottoposto a critica corrosiva i miti provvidenzialistici di età augustea e la pretesa restaurazione dell’età aurea. Sotto il profilo storico-culturale, i Punica istituiscono un ponte ideale fra la prima affermazione di Roma quale potenza egemone del Mediterraneo e l’immagine della ‘città-mondo’ di età Flavia, che ambisce addirittura a superare la Roma del principato di Augusto.
L’obiettivo principale di questo progetto è comprendere le implicazioni sottese alla rilettura poetica di un evento capitale del passato (la vittoria su Annibale), e di altri celebri episodi della storia romana incidentalmente rievocati nel poema, provando a definire le finalità di questo revival dell’epos storico nazionale, caratterizzato da una costante dialettica fra gusto antiquario e tensione verso l’attualizzazione. L’inserimento, all’interno di una trama condotta per lo più sulla falsariga della terza decade di Livio, di altri racconti esemplari non rivela, infatti, soltanto un’attitudine ‘inclusiva’, ma genera l’impressione di un’osmosi continua fra passato e presente: un vero e proprio 'ritorno al futuro', che costituisce la cifra estetica peculiare di una strategia tesa celebrare la pienezza dei nuovi tempi.