Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Eventi

22 Novembre 2019 dalle 10:30

“Diamo un futuro agli Yazidi” – conferenza di chiusura

Trieste, Piazzale Europa, 1 - Edificio A, Aula Bachelet — Il 22 Novembre

Yezidi

Tra le molte, gravi conseguenze che le offensive jidahiste dell'ISIS in Iraq hanno comportato, una delle più drammatiche è stato il tentativo di pulizia etnica ai danni delle minoranze che abitavano le province centro-settentrionali del Paese. Gli Yazidi, in particolare, si sono ritrovati vittime di un vero e proprio genocidio etnico e culturale: e se anche oggi le violenze nei loro confronti sono state arginate, ricominciare da zero facendo i conti con un governo centrale non imparziale nella distribuzione delle risorse (economiche e morali) rischia di diventare per questa comunità un'impresa impossibile.

Al fine di sostenere gli Yazidi in questo difficile processo di ricostruzione anche culturale, la Regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato un progetto di cooperazione internazionale, Diamo un futuro agli Yezidi, cui hanno partecipato l'Università di Trieste e di Udine. L'équipe del DIUM, costituita dal prof. Daniele Morandi Bonacossi, dalla dott.ssa Costanza Coppini e dal dott. Alberto Savioli, si è concentrata soprattutto sulla mappatura e sulla documentazione del patrimonio culturale yezida distrutto dall’ISIS nella regione di Sinjar, con l'obiettivo di promuoverlo attraverso un sito web quadrilingue (italiano, inglese, curdo, arabo), favorirne il restauro e la ricostruzione e preservarlo così dalla minaccia del fondamentalismo islamico.

Il progetto è giunto a conclusione, e verrà illustrato in una conferenza di chiusura che si terrà venerdì 22 novembre presso l'Università di Trieste. All'evento parteciperanno, oltre alle autorità, il prof. Gian Matteo Apuzzo, coordinatore del progetto, attivisti yazidi (fra cui la vincitrice del Premio Sakharov 2016, Lamia Haji Bashar) e i partecipanti al progetto stesso, tra i quali lo stesso prof. Morandi Bonacossi.