Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Rossella Catanese

Rossella Catanese

Rossella Catanese

Cinema, fotografia e televisione (L/ART-06)


Rossella Catanese

Cinema, fotografia e televisione (L/ART-06)


Rossella Catanese

Ho conseguito il dottorato in ‘Tecnologie digitali e metodologie per la ricerca sullo spettacolo’ presso la Sapienza Università di Roma nel 2012. La mia tesi Lacune binarie: il restauro dei film e le tecnologie digitali è diventata un libro (Bulzoni, 2013), adottato come testo presso Sapienza, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Università per Stranieri di Perugia e Università Tor Vergata di Roma.

Sempre alla Sapienza, ho insegnato ‘Tecniche di restauro digitale delle immagini e dei film’ nel 2019, come docente a contratto.

Nel 2018, ho ricevuto dal MIUR l’abilitazione come professore associato nel settore 10/C1; diversi anni di esperienza nella didattica, insieme ai programmi di studio all’estero per università americane in Italia (NYU Florence, Vanderbilt, Cornell, University of Madison – Wisconsin, University of North Carolina – Chapel Hill, ecc.) ed una breve esperienza come Visiting Scholar presso il Keene State College (New Hampshire, Stati Uniti), mi hanno permesso di aggiornare le mie tecniche didattiche.

Il dibattito teorico sulla sinestesia, oggetto del volume From Sensation to Synaesthesia in Film and New Media (Cambridge Scholars Publishing, 2019), curato con Francesca Scotto Lavina e Valentina Valente, è stato un punto di partenza per l’analisi cross-disciplinare del concetto di ‘medium’, intrapresa per il progetto PRIN Aesthetics in the Brain, in cui sono stata selezionata come assegnista di ricerca presso IMT School for Advanced Studies Lucca nel 2019.

Dal 2018 collaboro con il gruppo di ricerca nazionale VARIA (Video ARte in ItaliA) coordinato dai prof. Cosetta Saba (Università di Udine), Valentina Valentini (Sapienza Università di Roma), Alessandra Donati (Università di Milano-Bicocca) e Gianmaria Ajani (Università degli Studi di Torino), in collaborazione con il MiBAC DGAAP. Nel 2017 ho vinto una borsa per il PRIN Circolazione Internazionale del Cinema Italiano (principal investigator: Massimo Scaglioni, Università Cattolica Milano), sotto la supervisione di Emiliano Morreale (Sapienza).

La mia curatela Futurist Cinema: Studies on Italian Avant-garde Film (Amsterdam University Press, 2018) percorre i criteri estetici e la storia che connette l’avanguardia futurista con il cinema delle origini ed ha ricevuto recensioni su alcune riviste internazionali («NECSUS: European Journal of Media Studies», «Journal of Italian Cinema and Media Studies», «International Yearbook of Futurism Studies», «Séquences», «Quaderni del CSCI» e «Neural»).

Attualmente sono assegnista per il progetto HERA Visual Culture of Trauma, Obliteration and Reconstruction in Post WWII Europe VICTOR-E, il cui responsabile scientifico è Francesco Pitassio, una ricerca di ampio respiro che, nel network delle unità di ricerca (Udine, Parigi, Francoforte e Praga) e degli archivi cinematografici coinvolti, analizza come il cinema non-fiction tra il 1944 e il 1956 abbia documentato la distruzione e la ricostruzione degli spazi pubblici e sociali in Europa, nel superamento del trauma della Seconda guerra mondiale. Il progetto prevede la costituzione di un database sulla produzione di non-fiction ed un toolkit didattico destinato alle scuole secondarie di I e II ciclo e ai CdS triennali.

I miei principali interessi di ricerca sono il restauro cinematografico, gli archivi di film, il cinema d’avanguardia e sperimentale in Italia e Francia, il cinema e l’intermedialità, il cinema e la storia d’Italia, l’archeologia dei media, film e media literacy.

Pubblicazioni

Scenari tecnologici. Matrix, la fantascienza e la società contemporanea

Roma, 2017 (con R. Guerra, A. Saccoccio, M. Teti, M. Tirino)

From Sensation to Synaesthesia in Film and New Media

Newcastle upon Tyne 2019 (a cura di R. Catanese, F. Scotto Lavina, V. Valente)

Vespa, Lambretta e Geghegé. Beat e Mods all’italiana

in: S. Parigi, C. Uva, V. Zagarrio (curr.), Cinema e identità italiana: Cultura visuale e immaginario nazionale fra tradizione e contemporaneità, Roma 2020, 733–743