Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Edizione ginevrina dei Principia di Newton

Edizione ginevrina dei Principia di Newton

Filosofia

Edizione ginevrina dei Principia di Newton


Coordinatore: dott. Paolo Bussotti

Filosofia

Edizione ginevrina dei Principia di Newton


Coordinatore: dott. Paolo Bussotti

Edizione ginevrina dei Principia di Newton

La terza edizione del capolavoro di Newton venne pubblicata nel 1726. Appena 13 anni dopo a Ginevra fu pubblicata un’ulteriore edizione dei Principia, le cui caratteristiche erano davvero insolite: ogni proposizione dell’opera newtoniana era corredata da un apparato di note, in genere assai più lungo del testo stesso. Gli autori delle note sono due matematici, i frati minimi Thomas Le Seur (1703–1770), François Jacquier (1711–1788) e lo scienziato svizzero Jean-Louis Calandrini (1703–1758). Le note hanno stili e contenuti piuttosto diversificati: ci sono spiegazioni matematiche di alcune dimostrazioni newtoniane presentate dallo scienziato inglese in maniera assai sintetica; descrizioni dello sviluppo della fisica dopo Newton; inserimento di interi trattati in cui gli autori (soprattutto Calandrini) espongono proprie teorie su questioni di cui Newton aveva fornito i fondamenti, ma che non aveva sviluppato nei minimi dettagli (ad esempio il complesso problema del moto lunare).

A partire dal 2014 il professor Raffaele Pisano (Storia della Scienza, Università di Lille) ed io stiamo pubblicando una serie di articoli per spiegare la struttura delle note inserite nella edizione ginevrina. In genere analizziamo una proposizione importante dei Principia, descriviamo come Newton sviluppò la dimostrazione e chiariamo la natura e le ragioni degli interventi degli annotatori. Abbiamo già pubblicato una decina di articoli di questo genere.

Dal 2015 abbiamo un contratto con la Oxford University Press per tradurre tutte le note della Edizione dal latino in inglese. Tutta la nostra opera consterà di cinque volumi: quattro di traduzione e uno in cui esporremo le ragioni che hanno portato alla realizzazione di un progetto editoriale così grande e complesso come quello relativo alla annotazione dell’intero capolavoro newtoniano.
Al momento sono state tradotte tutte le note relative al primo libro dei Principia e parte di quelle inerenti al secondo. Prevediamo di terminare il lavoro tra due anni e mezzo.