Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Luca Pietro Nicoletti

[...] vivere vivo come può chi serve
fedele poi che non ha scelta. Tutto,
anche la cupa eternità animale
che geme in noi può farsi santa. Basta
poco, quel poco taglia come spada.

M. Luzi

nicoletti-ritratto.png

Luca Pietro Nicoletti

Storia dell’arte contemporanea (L-ART/03)


Luca Pietro Nicoletti

Storia dell’arte contemporanea (L-ART/03)


nicoletti-ritratto.png

[...] vivere vivo come può chi serve
fedele poi che non ha scelta. Tutto,
anche la cupa eternità animale
che geme in noi può farsi santa. Basta
poco, quel poco taglia come spada.

M. Luzi

Ho studiato Storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano – dove mi sono laureato nel 2009 (relatore Paolo Rusconi) e ho discusso il dottorato di ricerca (tutor Antonello Negri) nel 2014 – e di Udine, dove mi sono diplomato alla Scuola di specializzazione nel 2016 (relatore Alessandro Del Puppo).

Dal 2011 ho avuto la fortuna di un’assidua collaborazione con Enrico Crispolti (Roma 1933–2018), di cui non sono stato un allievo diretto, ma che è stato fra gli incontri cruciali della mia formazione. Con lui, fra le molte cose, ho preso parte alla realizzazione della mostra Valeriano Trubbiani. De Rerum fabula (Ancona 2012) e curato la raccolta di suoi scritti Burri “esistenziale” (Macerata 2015).

Fra 2006 e 2008 avevo preso parte alla realizzazione del volume Altri quaranta dipinti antichi della collezione Saibene curato da Giovanni Agosti (Valdonega 2008). Fra la fine del 2015 e l’estate del 2017, invece, sono stato borsista dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini di Venezia, periodo durante il quale ho collaborato alla mostra Tancredi. Una retrospettiva, a cura di Luca Massimo Barbero.

Mi sono occupato soprattutto di arti visive del secondo Novecento, dedicando una particolare attenzione agli scambi artistici fra Italia e Francia, ai rapporti con la coeva critica militante, con un’attenzione particolare per la generazione esordiente nel secondo dopoguerra, fra Informale e Nuova Figurazione. Questo mi ha portato a maturare un interesse ad ampio raggio per i rapporti fra arte ed editoria, come a comporre una storia “editoriale” della storia dell’arte, dallo studio dei veri e propri editori d’arte a quello degli storici dell’arte nelle vesti di consulenti editoriali. A questi temi ho dedicato due monografie: Gualtieri di San Lazzaro (Macerata 2014) e Argan e l’Einaudi (Macerata 2018).

L’amore per i libri e le vicende editoriali, poi, mi ha spinto a progettare per Quodlibet la collana “Biblioteca Passaré. Studi di arte contemporanea e arti primarie”, che dirigo dal 2015, promossa dall’omonima Fondazione milanese e volta alla valorizzazione delle ricerche dei giovani studiosi (in larga parte miei coetanei) e alla riedizione di testi e fonti dell’arte contemporanea.

Al contempo, accanto alla ricerca mi sono occupato continuativamente della cura di mostre, fra le quali tengo in modo particolare alle rassegne Carlo Ramous. Scultura architettura città (Milano, Triennale 2017; insieme a Fulvio Irace); Emilio Vedova. Solo (Firenze, Museo Novecento 2018); Mirko. Solo (Firenze, Museo Novecento 2019, insieme a Lorenzo Fiorucci); Mario Negri scultore a Milano (Milano, Villa Necchi Campiglio 2019).
Scrivo per “Alias-Domenica”, “Titolo”, “Biblioteca di via Senato”.

Sto curando l’edizione di un dizionario monografico sull’opera di Lucio Fontana e dal 2017 sono incaricato della redazione del catalogo ragionato di dipinti e sculture di Piero Dorazio, su progetto di Enrico Crispolti e a cura di Francesco Tedeschi.

 

Pubblicazioni

Enrico Crispolti, Burri “esistenziale”

a cura di L.P. Nicoletti, Macerata 2015

Carlo Ramous. Scultura architettura città, catalogo della mostra (Milano, Triennale, 11 luglio-17 settembre 2017)

a cura di F. Irace, L. P. Nicoletti, con G. Avon, C. Bassi, G. Calvenzi, C. De Albertis, W. Patscheider, A. Ranaldi, F. Tedeschi, Cinisello Balsamo 2017

Mario Negri scultore a Milano, (Milano, Villa Necchi Campiglio, 28 ottobre 2019–6 gennaio 2020)

a cura di L. P. Nicoletti, Skira, Milano 2019