Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Maddalena Luisa Zunino

ἄφοβος, ἀδέκαστος, ἐλεύθερος, παρρησίας καὶ ἀληθείας φίλος ... ξένος ἐν τοῖς βιβλίοις καὶ ἄπολις, αὐτόνομος, ἀβασίλευτος.

senza paura, imparziale, libero, amico della libertà di parola e della verità … straniero nei suoi scritti e senza città, autonomo, senza re.

Luciano

Zunino-Ritratto

Maddalena Luisa Zunino

Storia greca (L-ANT/02)


Maddalena Luisa Zunino

Storia greca (L-ANT/02)


Zunino-Ritratto

ἄφοβος, ἀδέκαστος, ἐλεύθερος, παρρησίας καὶ ἀληθείας φίλος ... ξένος ἐν τοῖς βιβλίοις καὶ ἄπολις, αὐτόνομος, ἀβασίλευτος.

senza paura, imparziale, libero, amico della libertà di parola e della verità … straniero nei suoi scritti e senza città, autonomo, senza re.

Luciano

Mi sono formata a Genova, avvicinandomi alla civiltà greca attraverso lo studio della religione e dei culti: mi sono laureata con una tesi dedicata al sacrificio greco e ho conseguito il Dottorato di ricerca in Storia greca studiando i culti della Messenia, alla ricerca dell’identità culturale ‘sommersa’ della regione greca sottomessa per quasi tre secoli alla vicina e potente Sparta (Hiera Messeniaka. La storia religiosa della Messenia dall’età micenea all’età ellenistica, Udine 1997).

Storia delle religioni del mondo antico è stato uno dei primi insegnamenti che ho tenuto all’Università di Udine (presso la quale sono in servizio dal 2000), cui negli anni hanno fatto seguito Esegesi delle fonti per la storia antica, Epigrafia greca e, infine, Storia greca per il corso di laurea in Lettere – cui si è di recente affiancato un Laboratorio di epigrafia greca e latina, di cui mi occupo insieme a Stefano Magnani. Faccio anche parte del Dottorato in Scienze dell’Antichità, che riunisce le Università di Venezia, Trieste e Udine.

Filo conduttore della mia attività di ricerca è l’attenzione costante alle fonti, in primo luogo quelle scritte, e alla loro interpretazione: si tratti di comprendere questioni riguardanti la geografia storica (eremia eoliana), modi e scopi della ricostruzione e narrazione della storia o di singoli eventi storici (Pseudodemostene, Eforo, Erodoto, genealogisti) o messaggi e ‘programmi’ politici (Solone, Pseudosenofonte, tiranni arcaici). O di comprendere meccanismi e schemi di pensiero che regolano l’applicazione della giustizia e i rapporti tra giustizia ‘pubblica’ e giustizia ‘privata’, la codificazione delle leggi e i rapporti tra leggi scritte e ‘sentenze’ orali, nonché quelli tra volontà divina e ambito decisionale degli uomini, e intendono così garantire l’ordine e la sopravvivenza di una comunità politica (“bronzo Pappadakis”, codice di Gortina), la sua capacità di istituire rapporti internazionali (trattato di Eantea e Chaleion) o di assumere la delicata gestione di un santuario panellenico (regolamento e wratrai olimpiche).

Proprio alle sentenze oracolari emesse per gli Elei dallo Zeus di Olimpia (le wratrai) sto attualmente dedicando la mia ricerca, anche nell’ambito della partecipazione al progetto AXON. Iscrizioni storiche greche dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, al quale inoltre collaboro in veste di revisore.

Pubblicazioni

Decidere in guerra – pensare alla pace. Il caso del 'bronzo Pappadakis' (IG IX I2, 3, 609)

ZPE 161 (2007) 157–169

[Xen.] ᾽Αθηναίων Πολιτεία 2.17: il δῆμος assente, gli altri e il fallimento della pace di Nicia

Hermes 137/3 (2009) 285–301

Tempo dell’ἄγεν, tempo della δίκα, tempo della polis. Sulla prima colonna del grande codice di Gortina (IC IV 72, I 1–II 2; XI 24–25)

RIDA 56 (2009 [2010]) 27–51

Parola del dio, scrittura del δᾶμος, norme panelleniche. Ripensando l’iscrizione elea IvO 7

RIDA 61 (2014 [2015]) 9–28

Pronunciamento per i Chaladrioi e Deucalione

AXON. Iscrizioni storiche greche 2/2 (2018) 21–60