Università degli Studi di Udine

DIpartimento di Studi UManistici
e del patrimonio culturale

DIUM - Dipartimento di eccellenza 2018-2022 MIUR %} MENU

Paesaggi sepolti e sommersi. Aquileia e il suo territorio dall’Eneolitico all’età del ferro


Paesaggi sepolti e sommersi. Aquileia e il suo territorio dall'Eneolitico all'età del ferro

Archeologia

Paesaggi sepolti e sommersi. Aquileia e il suo territorio dall’Eneolitico all’età del ferro


Coordinatore: prof.ssa Elisabetta Borgna
Partecipanti: dott.ssa Susi Corazza, dott. Giulio Simeoni
Sito web: Laboratorio di Preistoria e protostoria

Archeologia

Paesaggi sepolti e sommersi. Aquileia e il suo territorio dall’Eneolitico all’età del ferro


Coordinatore: prof.ssa Elisabetta Borgna
Partecipanti: dott.ssa Susi Corazza, dott. Giulio Simeoni
Sito web: Laboratorio di Preistoria e protostoria

Paesaggi sepolti e sommersi. Aquileia e il suo territorio dall'Eneolitico all'età del ferro

Il gruppo di ricerca in Preistoria e Protostoria dell’Università di Udine ha in corso di realizzazione, in accordo con la Soprintendenza Archeologica del Friuli Venezia Giulia e avvalendosi di collaborazioni esterne e di sinergie interdipartimentali dell’ateneo, un progetto pluriennale concernente lo studio di Aquileia e del suo territorio in età preistorica e protostorica. Nell’ambito di tale progetto sono previste diverse attività, tra le quali lo studio e l’edizione di materiali preistorici dalle collezioni del Museo Nazionale di Aquileia e da scavi pregressi della Soprintendenza, iniziative di ricognizione e scavo nei siti dell’età del bronzo e del ferro del territorio aquileiese, organizzazioni di attività didattiche e divulgative.

A partire dal 2013 il progetto ha preso forma nello scavo del villaggio protostorico in località Ca’ Baredi, presso il Canale Anfora, a SO di Aquileia in comune di Terzo di Aquileia, con l’intento di mettere a fuoco e di comprendere modi e tempi dell’occupazione di Aquileia prima di Aquileia. Attraverso un percorso multidisciplinare il progetto mira inoltre a ricostruire da un punto di vista di geografia antropica il paesaggio “sepolto” della bassa pianura friulana, con l'obiettivo di indagare gli aspetti culturali di epoca protostorica in relazione ai caratteri geomorfologici, pedologici, idrologici e in generale dei fattori ambientali che hanno inciso più a fondo nell’evoluzione del paesaggio nei secoli.

Tra gli obiettivi primari è infine quello di integrare la storia della bassa pianura friulana con quella dell'alta pianura, terra di tumuli e castellieri che, grazie a una sistematica e continuativa attività di ricerca sul campo, ha ormai restituito una serie cospicua di dati utili alla composizione di un più ampio quadro a livello regionale.

Alle campagne di scavo prendono parte studenti dell’università di Udine: tra gli obiettivi del progetto è infatti anche quello della formazione nella pratica dell’archeologia stratigrafica e nell’uso di strumenti e metodi della ricerca sul campo

LINEE DI RICERCA

  • Studio dei modi del popolamento, delle tipologie insediative e della cultura materiale nell’area aquileiese nella protostoria
  • Archeologia del paesaggio: le trasformazioni del paesaggio antropico tra protostoria e storia